Vai al contenuto

Fotografie per un quartiere migliore

by su 17/10/2011

Il fotografo Reza durante uno dei suoi workshops a Librino

Può la fotografia migliorare la vita di un quartiere e dei suoi abitanti ?

Lo crede fermamente  Antonio Presti  fondatore e instancabile animatore della Fondazione  Antonio Presti – Fiumara d’ Arte – che  a Librino, quartiere satellite alla periferia di Catania  da dieci anni coltiva l’ utopia di renderlo più vivibile attraverso l’arte e la bellezza.

(Antonio Presti) Ha proposto un progetto a tappe che ha preso le mosse dalla poesia per farsi racconto e poi immagine, scultura. Per i circa 10.000 ragazzi che nel quartiere frequentano le scuole dell’obbligo – di istituti superiori non ce ne sono – da dieci anni promuove e organizza incontri e iniziative con poeti e con scrittori di fama internazionale, e, adesso, con scultori e videoartisti. Per i più giovani l’incontro con la forza della parola e con la fascinazione delle opere scultoree è stata una scoperta rivoluzionaria, un chiavistello magico capace di cambiare il loro modo di vedere il mondo, un impatto dirompente in un quartiere dove non c’è un cinema, un teatro, un luogo pubblico d’incontro, una palestra.”

Nel cuore di Librino nascerà ora il Museo Internazionale dell’Immagine-Terzocchio Meridiani di Luce,  frutto di un lavoro durato due anni in cui il fotografo  iraniano  Reza  (fotografo per “National Geographic”, con oltre, fra le altre cose,  40 copertine al suo attivo, fra cui la celebre adolescente  afghana dagli occhi verdi), assistito da a 6  fotografi  “tutor” Francesco Butera, Claudio Floresta, Fabrizio Frixa, Luca Guarneri, Monica Laurentini e Lidia Tropea e con il coinvolgimento di 40 fotografi siciliani, ha lavorato  ad  un workshop durato 2 anni. In questo periodo la squadra ha incontrato oltre 100 alunni delle scuole Campanella Sturzo, Mangano, Dusmet, Cannizzaro e San Giorgio impegnandoli con incontri, lezioni a cielo aperto e pratica fotografica. E’ stato chiesto loro di fotografare 300 persone, fra parenti, amici, vicini di casa, creando un archivio enorme di volti e personalità del loro quartiere. “Incontrare questi ragazzi – sostiene Reza – è stato veramente emozionante. Ho visto i loro progressi, ho guardato la luce dei loro occhi, ho ascoltato i loro sogni, li ho accompagnati in un viaggio bellissimo fatto di arte, di immagini, di realtà quotidiane impresse per sempre sulla memoria delle loro macchine fotografiche e nei loro cuori. Ho lavorato con i bambini di molti Paesi del mondo, ma devo ammettere che l’impegno e l’entusiasmo dei ragazzi di Librino è stato veramente straordinario”. 


Simulazione del futuro museo a cielo aperto: proiezione sulla facciata cieca di un palazzo.

La particolarità di tutto questo è che si tratta di un museo a cielo aperto: ” L’idea di Presti è quella di un museo mutante nel tempo, un museo che proponga nuove opere, e quindi nuovi volti, ogni due tre anni, un museo che usi i linguaggi della fotografia per fissare, in luoghi di fruizione collettiva, la spiritualità di ognuno degli abitanti di Librino. Tutto il progetto, in ogni suo stadio, è costruito sulla condivisione e il museo all’aperto sarà l’espressione, e il prodotto di una fitta rete di relazioni tra gli artisti e gli abitanti di Librino. Per raggiungere questo obiettivo la Fondazione Fiumara d’Arte si è mossa a partire dalle scuole dove, da dieci anni ormai, promuove iniziative sociali e culturali di grande respiro. E da lì, Presti ha coinvolto numerosi condomini del quartiere con ognuno dei quali, dopo un lungo confronto, ha stipulato una convenzione che autorizza l’utilizzo di una facciata cieca del palazzo come spazio espositivo”.
Sono 100 i condomini che si sono detti disponibili a questa impresa. 100 palazzi tra cui, ogni anno, saranno individuate le 10 facciate, “le porte della luce” su cui installare fotografie o da utilizzare come schermi dove, nella notte, proiettare le immagini colte dai 40 fotografi coinvolti e dallo stesso Reza; immagini che manifestano la bellezza spirituale delle persone, i loro volti, le loro espressioni, il loro sorriso. Le foto realizzate dai ragazzi saranno invece visibili l’ anno prossimo in un’ istallazione che si realizzerà a Piazza dell’ Elefante, sempre nel quartiere Librino.

il fotografo Reza durante uno dei 7 workshops a Librino

Dal 17 al 21 ottobre 2011, nella sede della scuola Campanella Sturzo di viale Bummacaro 8, si terrà l’ultimo workshop con Reza Deghati. “Con la conclusione del workshop la Fondazione Fiumara d’Arte e Fondazione Telecom annunciano la fine di un percorso e l’inizio di un altro, quello tecnico e di editing, indispensabile per la creazione del Museo Internazionale dell’Immagine-Terzocchio Meridiani di Luce, grande museo fotografico a cielo aperto, un archivio civile, antropologico e artistico che mostrerà i visi, gli sguardi, l’anima di oltre 30.000 persone di Librino, di Catania e dell’intera provincia etnea”. 

Reza durante il laboratorio di fotografia alla scuola Campanella Sturzo

La conferenza stampa si terrà martedì 18 ottobre 2011 alle 10,30, nella sede del consiglio di quartiere, IX Municipalità, Stradale San Giorgio 27.Saranno presenti Antonio Presti, presidente della Fondazione Fiumara d’Arte, Fabio Di Spirito, Segretario Generale Fondazione Telecom, Reza Deghati, il giornalista Marco Pinna del National Geographic Italia, il presidente di quartiere Loredana Gioia, il preside dell’istituto comprensivo Campanella Sturzo, Lino Secchi, i fotografi e i ragazzi che hanno seguito i workshop.

Per approfondire:

una bella intervista realizzata da Giuseppe Cocco a Reza Deghati  

Skyscraper City

From → Articoli

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: