Skip to content

Sogno a …

"le ricamatrici" da Sogno di una notte ... a quel paese

Siamo stati conquistati dall’atmosfera di un paese che molti esitano a pronunciare: Colobraro (MT), affacciato sulla Valle del Sinni, in Basilicata… Per molti il pronunciare il suo nome significa attirare la iella, la sfiga, la Gagia e comunque la vogliate chiamare … un gruppo di giovani sostenuti dal Sindaco Andrea Bernardo e capeggiati dal regista Giuseppe Ranoia hanno voluto sfatare la nomea del posto e hanno messo in scena uno spettacolo teatrale, divertente ed autoironico, per le stradine del centro storico … Il titolo del spettacolo è “Sogno di una notte a … quel paese“. Grazie all’atmosfera magica ed alla simpatia di Maria Mazziotta (coordinatrice del progetto insieme a Rosanna Bastanzio ed Elena Di Napoli) Roberto Tartaglione è ritornato per quattro sere sul posto per documentare la riuscita dell’evento.


LOCANDINA DELLO SPETTACOLO

Guide:

Concetta Sarlo (moglie)

Nicola Modarelli (marito)

Luca Celano (figlio)

Tonia Violante (Concettina)

Maria Sarlo (Cumma Carmela)

Maria Mazziotta (Cumma Maria la masciara)

Ricamatrici:

Laura Virgallito

Lucia Virgallito

Karen Virgallito

Lidia Virgallito

Marina Virgallito

Antonella Fiorenza

Rosanna Bastanzio (Cumma Rosa del Castello)

Nicola Modarelli (acquasantiere)

Rosanna De Pizzo (Zia Fortunata)

Vincenzo Italiano (Pietro)

Alex D’Alessandro (Egidio)

REGIA:

Giuseppe Ranoia

Coordinatrici:

Elena Di Napoli, Rosanna Bastanzio, Maria Mazziotta

La Ballata dei monachicchi

Zaira Lucarelli

Arianna Cafaro

Joele Lucarelli

Federica Bruno

Sonia Spadaro

Pia Modarelli

Francesca Violante

Francesca Celano

Bernarno Rumila

Lara Mazziotta

Cuoche

Teresa Ciancia, Giovanna Altieri, Giovanna Fortunato, Concetta Di Napoli,

Adriana Iannarelli

8 commenti
  1. elena di napoli permalink

    Grazie Roberto x le splendide foto che hai scattato ad ognuno di noi! Con la tua professionalità da vero artista hai fatto si che il Nostro Sogno duri x sempre! Ti aspettiamo quest’inverno x una cena tutti insieme! A presto … La Locandiera

  2. Grazie Elena per il tuo incoraggiamento, ho passato dei giorni veramente fantastici fra tutti voi.

    A presto
    Roberto

  3. oneira permalink

    veramente un sogno per noi emigranti del 2000 che in quel…magico…paese non torneremo forse mai più….
    Voi che avete avuto la fortuna o, meglio, la passione l’amore e il coraggio di restare, conservatelo intatto e puro per noi… per i nostri magici ritorni con voi… l’estate!
    Grazie RAGAZZE DI COLOBRARO…. grazie fotografo…. grazie regista… grazie sindaco di Colobraro!!

  4. Il primo passo è conservare la bellezza dei nostri centri storici; su un territorio sano, si possono fare operazioni come questa, a beneficio degli abitanti del borgo, di chi è dovuto partire e infine anche di noi turisti che abbiamo ripassato un po’ della nostra storia e sorriso delle pene d’ amore di Concettina e di tutti i protagonisti.

    Questa sezione è in preparazione, saranno presto aggiunte altre immagini.

    Grazie per le tue parole.
    Roberto

  5. Giuseppe permalink

    Bellissime le tue foto Roberto, non solo per il loro valore tecnico ma anche e soprattutto per quel contatto spirituale che rappresenta la ricerca di ogni artista vero.
    Sei riuscito a raccontare con estrema precisione e semplicità l’essenza del nostro Sogno.
    A presto

  6. Grazie Giuseppe, come sai, raccontare una storia non è mai semplice; far capire, attraverso immagini o parole, una certa esperienza a chi non l’ ha vissuta è sempre una sfida.
    Questa volta sono stato aiutato dall’ entusiasmo e dal calore di tutti, che hanno reso più facile il mio lavoro.
    Roberto

  7. maria permalink

    Ciao Roberto mancava un mio commento. Che dire? il tuo lavoro è stato aiutato soprattutto dal tuo di entusiasmo… Besos “la masciara”

  8. Giuseppe permalink

    Carissimo Roberto, qui ho pubblicato qualche foto che ho scattato per mio diletto e ricordo l’estate passata… qualcosa potrebbe interessarti ;) ehehehehe
    Certamente nemmeno la foto riesce a stigmatizzare le grandi emozioni e che, ancor oggi, provo al pensiero di questa magica esperienza.
    Un abbraccio
    https://www.facebook.com/media/set/?set=a.10150467561657159.382646.795327158&type=1&l=27a485dc7b
    Giuseppe

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 716 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: